La chinesiologia
9 Febbraio 2010
Le attività motorie
9 Febbraio 2010
Mostra tutti

Tra motricità e motorio

FotoMotMot

Motricità – Per definizione, indica quella funzione che assicura i movimenti del corpo, coordinata e prodotta dal sistema neuromuscolare, relativa sia i movimenti volontari che quelli riflessi od automatici. L’intervento in quest’area, pertanto, prevede l’analisi “osservata” degli aspetti fisiologico, psicologico, razionale, motivazionale e comportamentale, nonchè del rapporto in essere fra qualità dei movimenti e sviluppo psichico del soggetto che li compie. È fondamentale, in questo contesto, la presenza di un evento patologico (congenito od acquisito) per la cui risoluzione si rende necessaria l’esecuzione di una “cura”, opportunamente prescritta.
Motorio –  invece, per definizione, indica tutto quanto sia relativo il movimento, ovvero il cambiamento di posto e/o posizione di un corpo o di una sua parte. L’area del motorio, riguarda quindi l’uso del movimento nelle sue forme, nel contesto in cui esso deve aver luogo, le modalità di esecuzione in rapporto alle finalità che si prefigge di raggiungere. È fondamentale, in questo contesto, il concetto di disabilità, prevenzione ed educazione motoria, che richiederà la sola applicazione di un trattamento opportunamente adattato con finalità educative, preventive, correttive e rieducative.